1924, festa da ballo finita in tragedia: ci scappa il morto

Una festa da ballo finita in tragedia, il 30 dicembre 1924, in una frazione di Terni. Ci scappò il morto, Alfredo Botondi un giovane di 25 anni, assassinato a colpi di roncola da Dante Testa, un pregiudicato di 35 anni.
Accadde che Testa, non invitato alla festa da ballo che si teneva in una casa privata, accompagnato dalla sua amante volle entrare con  la prepotenza. Non era bene accetto, agli altri che, entrati Testa e la sua donna, se ne andarono ponendo fine alla festa.
Un’offesa per Testa che inseguì gli altri lungo la strada di campagna, buia avventandosi contro il giovane Alfredo e colpendolo più volte al petto col trincetto. Alfredi morì nel giro di pochi minuti, mentre gli altri partecipanti alla festa che erano con lui stavano trasportandolo a casa. L’assassinò invece fuggì dandosi alla latitanza.