1907, ginnastica “di lusso” a Perugia con 400 atleti

31 agosto e Primo settembre, due giorni di gare di ginnastica artistica a Perugia, una manifestazione di grande prestigio nel 1907. Si trattava di un concorso interprovinciale a squadre che vide avvicendarsi in pedana quattrocento atleti. La gara a squadre vide primeggiare la Roma e la Fortebraccio Perugia.

ginnastica
Ginnasti perugini impegnati negli anelli…
ginnastica
I ginnasti ternani della Garibaldi alle parallele

Un successo fu anche la partecipazione della Ginnastica Garibaldi di Terni e della squadra di una seconda società ternana; la Gioventù Sportiva. Nella gara a squadre, in verità, pur non risultando tra le vincitrici in assoluto,la Ginnastica Garibaldi fu ammiratissima e guadagnò il premio nella categoria A. Nelle gare individuali, che si svolsero contemporaneamente alla prova a squadre, i ternani della Garibaldi ottennero ben trenta premi, così come un premio, nella specialità della palla vibrata, andò alla formazione della Gioventù Sportiva.

Tra le altre si disputò anche una “gara di foot-ball tra la Lazio di Roma e la squadra di Siena, alle presenze di parecchi migliaia di persone che gremivano l’anfiteatro e fra cui si distinguevano le nostre più eleganti signore e signorine”, scriveva il corrispondente da Perugia della “Stampa Sportiva”, settimanale specializzato dell’epoca, il quale specificò anche che “Riuscì vittoriosa la Lazio di Roma”. L’anfiteatro in cui si disputarono le gare era, ovviamente, la Piazza d’armi, per intendersi lo stadio di Santa Giuliana.

Conclusi gli impegni agonistici  la manifestazione si chiuse con grandi cerimonie il giorno 2. La sera prima si era andati avanti fino a tarda ora con la cerimonia di premiazione nel corso della quale furono assegnati diversi riconoscimenti alla società Ginnastica Perugina organizzatrice della manifestazione, la cui bandiera potette fregiarsi della medaglia d’argento della Federazione Italiana Ginnastica ginnastica consegnata dal presidente cav. Ballerini, di una medaglia d’oro offerta dal re, mentre una seconda medaglia d’oro, questa offerta dalla regina, fu consegnata al presidente della Società organizzatrice avv. Pernossi.

Premi, oltre che per gli atleti, anche per i maestri di ginnastica Rossi e Carattoli, al segretario della società ginnastica Bimbi, all’avv. Sallusti oltre che alle squadre che avevano partecipato al concorso e cioè le società di Roma, Firenze, Pontassieve, Terni, Spoleto, Gubbio e Foligno. E il giorno dopo, raccontavano le cronache, “Tutti gli atleti sono partiti per una gita sul lago Trasimeno, dove trovarono il battello del deputato Cesaroni messo a loro disposizione”.

Dopo un lauto banchetto a Castiglione del Lago, tutti a casa.