Ufficiale si spara, ma prima di morire firma una licenza

ufficiale

Perugia 9 gennaio 1920 – Ufficiale si sparò al petto, poi si comportò come se niente fosse accaduto rimanendo in ufficio e firmando un permesso di licenza. Ma non solo. Il tenente Renato Panetta, in servizio al 51° Fanteria di stanza a Perugia,

era uno degli Arditi, uomini delle truppe d’assalto dell’esercito regio che erano capaci di affrontare qualsiasi difficoltà. E il suo fu un comportamento stoico. Tanto che dopo aver firmato il permesso telegrafò alla madre a Roma per avvertirla che era ricoverato in ospedale.

ufficiale
Arditi dell’esercito italiano in azione sul Piave

Poi, mentre sentiva che le forze stavano abbandonandolo, chiese di essere soccorso. Solo allora qualcuno si accorse che il tenente Panetta era ferito. La pallottola gli aveva perforato un polmone. Lo portarono in ospedale dove fu ricoverato, ma durante la notte successiva spirò.