Rissa e revolverate, quattro feriti a Città di Castello

Città di Castello, 28 marzo 1929 – Tra Cesare Ceccarelli, il fattore di una azienda agricola, ed il colono di Città di Castello Luigi Renchi non correva buon sangue.  Litigavano spesso, ma quella sera, il diverbio degenerò fortemente, prima in uno scambio di bastonate e pugni in faccia, per poi finire a revolverate. città di castelloA far fuoco fu il fattore che sparò alcuni colpi, ferendo gravemente, al collo e al torace Eva Renchi, e il marito colpito alla testa. Nella rissa furono coinvolte, riportando contusioni e ferite,  anche altre due donne, Domenica Renchi e Giacinta Ceccarelli.

Quattro persone all’ospedale e il fattore latitante.

Precedente 1867, elezioni col "giallo" nel collegio Città di Castello-Gubbio Successivo Il Grifo Magico di papa Leone XIII