Terni, sposi a ottant’anni aprono le danze con una tarantella

sposi

L’amore e l’amore. Senza limiti di età. Un’affermazione proverbiale, scontata, un’ovvietà. Ma nel caso fosse necessaria qualche conferma è il caso di riprendere una notizia uscita sui giornali italiani il 3 marzo 1933, in cui si riferisce dell’avvenuto matrimonio a Terni tra due ottuagenari. Oddio, ad esser pignoli lei, Maria Anna Dominici, di anni ne aveva 79. Ottant’anni precisi invece li aveva compiuti lo sposo, Giuseppe Del Savio. Entrambi “recidivi”, visto che lei era già due volte vedova come vedovo era Giuseppe.

Chiaro che la decisione di convolare a nozze aveva provocato un chiacchiericcio abbondante ed una grande curiosità che, però, come riferivano le notizie di agenzia, “si è mutata in ammirazione quando i due sposi, durante una festa indetta in loro onore, hanno aperto le danze intrecciando, con baldanza giovanile, una vivacissima tarantella”.